gototopgototop
 screen         carattere         colore           contrasto           
Effettua il login per acquistare

RICERCA PER CATEGORIA

EDITORI



Cerca periodico

Autore - titolo


VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.

Ai sensi della normativa internazionale sui cookies vi informiamo che questo sito o gli strumenti di terze parti da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di condizioni di fornitura e privacy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera si acconsente all'uso dei cookies. Ezpress non memorizza i dati di navigazione nè usa cookies a fini promozionali o commerciali

LIBRERIA arrow FILOSOFIA arrow Il giglio nel campo e l'uccello nel cielo


Il giglio nel campo e l'uccello nel cielo
Clicca per visualizzare
la copertina e il sommario


Il giglio nel campo e l'uccello nel cielo

Versione Digitale

Donzelli Editore
ezPrice: €12,99



Autore: Soren Kierkegaard

Editore: Donzelli Editore


Il volume raccoglie nove discorsi religiosi che Kierkegaard pubblicò tra il 1849 e l’agosto 1851, nell’ultimo periodo della sua attività letteraria. Sono scritti di rara bellezza, alcuni dei quali tradotti per la prima volta in italiano. Quello che ne viene fuori è un «altro» Kierkegaard, ma non un Kierkegaard minore, bensì un Kierkegaard a partire dal quale bisognerà rileggere la sua intera opera. Questi discorsi vogliono essere semplicemente «cura dell’anima», cura della sofferenza, possibilità di indicare una via d’uscita dalla disperazione del vivere. Così i primi tre, che vanno sotto il titolo de Il giglio nel campo e l’uccello nel cielo, sono un elogio del silenzio, dell’obbedienza e della gioia che dobbiamo imparare dal giglio e dall’uccello di cui ci parla il Vangelo. Il silenzio come condizione per smorzare il ritmo incalzante delle parole e delle preoccupazioni, l’obbedienza come capacità di «prestare ascolto». Infine la gioia, quel movimento con cui si getta via da sé ogni pena e che deve essere possibile qui e ora nella vita. Negli altri discorsi si discute la compassione, ossia la possibilità di condividere la disperazione di chi soffre anche a fronte del rifiuto del sofferente che ripete: «Non mi puoi capire perché non hai provato quel che ho provato io». Quindi il perdono, simboleggiato dalla figura della prostituta che piange ai piedi del Cristo, un perdono che non è redenzione in una vita futura, ma la possibilità di ritrovare il proprio posto in questa vita. Infine l’amore, l’amore di Cristo che offre riparo di fronte all’ansia di autodistruzione. Insieme al significato religioso, quel che resta è il messaggio di una filosofia che torna alle sue origini, a quella stessa «cura dell’anima» che era il fine di Socrate. Una filosofia che non vuole decostruire, ma «edificare», ossia tentare di costruire una casa senza sofferenza, o almeno con minore sofferenza.







altre categorie


Bene e Male (43)

Buddista (32)

Criticismo (6)

Determinismo e Libero Arbitrio (2)

Epistemologia (75)

Estetica (51)

Etica e Morale Filosofica (153)

Indù (18)

Logica (12)

Mente e Corpo (27)

Metafisica (28)

Metodologia (4)

Movimenti (58)

Orientale (29)

Politica (295)

Religiosa (91)

Riferimento (2)

Saggi* (118)

Sociale (114)

Storia e Studi (274)

Taoista (23)

Zen (30)

ENTRA E GUARDA LE NOSTRE VETRINE

ezPrice
€12,99


ezPrice
€12,99


ezPrice
€19,99




SCOPRI LE FUNZIONALITA' DI EZPRESS


RICARICA

PREVIEW

RISPOSTE

REGALA

FUNZIONALITA' RISERVATE AGLI UTENTI REGISTRATI


EZCLOUD

SCRIVICI

ACCOUNT

EZCHECKOUT