gototopgototop
 screen         carattere         colore           contrasto           
Effettua il login per acquistare

RICERCA PER CATEGORIA

EDITORI



Cerca periodico

Autore - titolo


VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.

Ai sensi della normativa internazionale sui cookies vi informiamo che questo sito o gli strumenti di terze parti da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di condizioni di fornitura e privacy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera si acconsente all'uso dei cookies. Ezpress non memorizza i dati di navigazione nè usa cookies a fini promozionali o commerciali

LIBRERIA arrow FILOSOFIA arrow Parmenide e la negazione del tempo


Parmenide e la negazione del tempo
Clicca per visualizzare
la copertina e il sommario


Parmenide e la negazione del tempo

Versione Digitale

LED Edizioni Universitarie
ezPrice: €13,99



Autore: Massimo Pulpito

Editore: LED Edizioni Universitarie


«Mai è stato e mai sarà, perché è adesso tutto insieme» (28 B 8.5 D.-K.). È in questo verso del poema di Parmenide, che la tradizione ha riconosciuto la prima espressione del concetto di eternità atemporale, come affermazione di un presente assoluto a fronte del rifiuto di ogni passato e futuro. Secondo l’interpretazione classica del pensiero parmenideo, questa nozione sarebbe sorta in opposizione all’eternità intesa da Eraclito nel senso della perpetuità, e sarebbe stata in seguito perfezionata da Platone, secondo una formulazione che, attraverso la mediazione neoplatonica, avrebbe ottenuto una grande fortuna nella storia della metafisica. Tuttavia, nel corso del Novecento, un numero crescente di studiosi ha avanzato dubbi sulla correttezza testuale e storica di questa lettura del poema e ha proposto di leggere il verso 8.5 come un’attestazione della perpetuità, esattamente il rovescio dell’eternità atemporale. Questo studio tenta di fare il punto del dibattito attorno alla questione dell’interpretazione del tempo in Parmenide, mostrando da un lato come una serie di argomenti induca a ritenere non più sostenibile la lettura atemporalista del poema, poiché storicamente problematica e per certi versi incompatibile con il pensiero stesso di Parmenide, e dall’altro come non sia, però, accettabile la lettura alternativa del verso che è stata finora sostenuta. Il saggio, accogliendo una recente proposta testuale, tenta così di indicare una terza via interpretativa, che superi lo stallo del dibattito contemporaneo, e offre un contributo alla comprensione di un tema di grande rilevanza nella storia del pensiero antico e in quella delle idee di tempo ed eternità.







altre categorie


Bene e Male (47)

Buddista (28)

Criticismo (6)

Determinismo e Libero Arbitrio (2)

Epistemologia (79)

Estetica (51)

Etica e Morale Filosofica (149)

Indù (17)

Logica (12)

Mente e Corpo (28)

Metafisica (29)

Metodologia (4)

Movimenti (54)

Orientale (27)

Politica (303)

Religiosa (86)

Riferimento (1)

Saggi* (104)

Sociale (119)

Storia e Studi (273)

Taoista (19)

Zen (27)

ENTRA E GUARDA LE NOSTRE VETRINE

ezPrice
€17,99
ezPrice
€5,99
ezPrice
€17,99


SCOPRI LE FUNZIONALITA' DI EZPRESS


RICARICA

PREVIEW

RISPOSTE

REGALA

FUNZIONALITA' RISERVATE AGLI UTENTI REGISTRATI


EZCLOUD

SCRIVICI

ACCOUNT

EZCHECKOUT