gototopgototop
 screen         carattere         colore           contrasto           
Effettua il login per acquistare

RICERCA PER CATEGORIA

EDITORI



Cerca periodico

Autore - titolo


VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.

Ai sensi della normativa internazionale sui cookies vi informiamo che questo sito o gli strumenti di terze parti da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di condizioni di fornitura e privacy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera si acconsente all'uso dei cookies. Ezpress non memorizza i dati di navigazione nè usa cookies a fini promozionali o commerciali



Cattoliche durante il fascismo
Clicca per visualizzare
la copertina e il sommario


Cattoliche durante il fascismo

Versione Digitale

Viella Libreria Editrice
ezPrice: €19,99



Autore: Liviana Gazzetta

Editore: Viella Libreria Editrice


Per quanto si trattasse di un organismo che trovava la sua ragion d’essere in esigenze di carattere etico-religioso e non politico, nel Ventennio l’Unione Femminile Cattolica fu intrisa di una visione ideologica del ruolo femminile all’interno del progetto complessivo di “restaurazione cristiana”: fu in virtù di tale visione ideologica che essa svolse nella società italiana una funzione politica, pur escludendo dall’orizzonte del destino femminile proprio quest’ordine di interessi. La ricerca condotta nell’area delle Venezie mostra come il potenziale dell’azione cattolica femminile andò manifestandosi soprattutto sul piano sociale quale terreno precipuo della “restaurazione” auspicata: in primo luogo con una costante mobilitazione contro la presunta degenerazione morale della società, ma anche assumendo progressivamente vari compiti nell’ambito dell’assistenza e dell’intervento sociale pubblico, parallelamente alla trasformazione del ruolo dello Stato anche per gli effetti della “grande crisi”. Organismo monolitico, efficiente e ben organizzato nelle realtà urbane, con punte di vero protagonismo in alcune diocesi e una sostanziale assenza di pluralismo interno, l’azione cattolica femminile veneta “risolve” la rottura epocale della Grande Guerra in una concezione di maternage sociale, che negli anni Trenta viene decisamente orientato verso la collaborazione con precisi settori d’intervento sviluppati dal regime e dallo Stato fascista.







ENTRA E GUARDA LE NOSTRE VETRINE

ezPrice
€8,99


ezPrice
€1,99


ezPrice
€4,99




SCOPRI LE FUNZIONALITA' DI EZPRESS


RICARICA

PREVIEW

RISPOSTE

REGALA

FUNZIONALITA' RISERVATE AGLI UTENTI REGISTRATI


EZCLOUD

SCRIVICI

ACCOUNT

EZCHECKOUT