Background Image
Previous Page  8 / 10 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 8 / 10 Next Page
Page Background

8

dal Mondo

S

trani avvistamenti durante l’osservazione di una

cometa a Lendinara: è mistero. Il 45° Gru (Gruppo

ricerche Uap) del Polesine da 21 anni effettua ricer-

che ed osservazioni della bassa atmosfera alla ricerca

di strani fenomeni luminosi anomali. Creato da Jerry

Ercolini e con la collaborazione di Rodolfo Ghinato e

Crisna Pengo (tutti radioamatori), il gruppo è dotato

di strumentazione tecnico scientifica, possiede anche

due piccoli laboratori dedicati all’osservazione del

cielo con videocamere astronomiche e strumentazio-

ni radio dedicate al radioascolto di fenomeni natura-

li in frequenze radio VLF (Very Long Frequency). Pro-

prio in questi giorni, ovvero domenica scorsa, dedi-

candosi all’osservazione della cometa Neowise, il 45

Gru ha registrato un particolare fenomeno anomalo.

Il gruppo di ricerca in quel momento si trovava in zo-

na Pradespin di Lendinara per fotografare appunto la

cometa. Alle 23.17 improvvisamente viene notato ap-

parire in direzione dell'Orsa Maggiore un fenomeno

luminoso che si muove seguendo una traiettoria li-

neare con direzione da ovest verso nord. «

Inizialmen-

te il pensiero corre ad un satellite e l'effetto iridium flare,

ma la luminosità non è costante e in aumento, ma emet-

te delle singole pulsazioni alternate a buio completo - spie-

gano i ricercatori - Il fenomeno luminoso effettua un ba-

gliore intenso di brevissima durata, per poi scomparire al-

la vista; ne segue un secondo sempre di forte intensità.

Successivamente un terzo. Con la fotocamera si cerca di

inquadrare in anticipo il tratto di cielo in cui il fenomeno

luminoso continuerà la sua corsa ed appena è nel mirino

della fotocamera, viene effettuato uno scatto (utilizzando

il cavetto a distanza). Successivamente il fenomeno lumi-

noso prosegue la sua corsa emettendo altri 2 impulsi lu-

minosi, ma di debole intensità. Riguardando la foto nel

display ci si aspettava il classico star trail

dato dall'effetto iridium flare tipico del pas-

saggio di un satellite, ma l'immagine pre-

senta caratteristiche completamente diver-

se: il fenomeno luminoso sembra eseguire

dei movimenti non lineari ma ‘frastagliati’.

Il cielo era limpido e non c’erano fulmina-

zioni in corso

». «

In queste ore stanno giun-

gendo diverse segnalazioni di altri testimo-

ni che hanno assistito allo stesso fenomeno

in quel momento da diverse zone del Pole-

sine - aggiungono - e una triangolazione os-

servativa è stata eseguita anche da Monte-

fiorino

(Modena)».

te mettersi d’accordo su un progetto valido, si tratta di

creare la base per un aggregamento globale che porti nel-

le prossime decadi l’uomo su Marte

». È importante però

fare un passo alla volta: «

Gli astronauti devono avere

molta pazienza, nello spazio è meglio la gallina domani

che l’uovo oggi, cioè non è importante quanto presto vole-

rai ma quanto importante è il contributo che tu possa da-

re a una missione

». In quest’ottica «

sono convinto che il

progetto lunare abbia la priorità, è un passo indispensa-

bile dell’esplorazione interplanetaria

». Alla domanda se

vuole andare sulla Luna, Parmitano ha osservato: «

Io

faccio l’astronauta di professione e il sogno di ogni astro-

nauta è volare nello spazio, ma il mio compito è essere la

persona giusta per la prossima missione, che sia di breve

durata, di lunga durata, sulla Luna o da un’altra parte,

qualsiasi sarà il mio futuro lo affronterò

». Tuttavia per

quanto riguarda la Luna «

da parte mia c’è la volontà di

dare ogni contributo possibile a questo progetto

». Anche

il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio

Saccoccia, ha osservato che prima di Marte c’è il pro-

getto di andare sulla Luna per rimanerci e colonizza-

re la Stazione Orbitale lunare: «

È un progetto che ri-

chiede un impegno importante e come Italia stiamo agen-

do per contribuirvi. Ci saranno possibilità per gli astro-

nauti europei e speriamo anche per un italiano. Il proget-

to Artemis della Nasa per riportare l’uomo sulla Luna è

organizzato in maniera tale che il passo successivo sia

Marte: tecnologicamente siamo molto vicini a poterlo fa-

re, si tratta di trovare la volontà e le risorse in ambito in-

ternazionale

Strani fenomeni luminosi nel cielo

Fonte Polesine24.it – 27 luglio 2020