Background Image
Previous Page  9 / 10 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 9 / 10 Next Page
Page Background

SELECTOR

80

SUONO settembre 2021

di Carlo D’Ottavi

A

lla testa dei mitici Wie-

ner Philharmoniker, il

grande direttore ita-

liano Riccardo Muti ha creato

un vero e proprio capolavoro

con la registrazione delle Sin-

fonie n. 25, 35 e 39 di Wolf-

gang Amadeus Mozart. Queste

straordinarie opere del genio

salisburghese possono essere

ascoltate in una superba in-

terpretazione, registrata nella

morbida e calda acustica della

Sala Grande del Musikverein

di Vienna. Questa registrazio-

ne del 1996 fa parte di una se-

rie dedicata alle più note sinfo-

nie di Mozart da parte di Muti

con la Decca di quel periodo e

originalmente era stata pub-

blicata in due CD distinti che

comprendevano una quarta

sinfonia. La ristampa in vini-

le, volendo accorparle in una

unica edizione, ne ha sacrifi-

cata una, pur di realizzare una

stampa audiofila con solchi

maggiormente distanziati, per

un suono più dinamico e meno

compresso. La nuova edizio-

ne è stata rimasterizzata con

cura anche ai più piccoli det-

tagli dall’ingegnere del suono

Georg Burdicek (cuore e anima

di questa rimasterizzazione a

partire dai master origina-

li noto con il soprannome di

“Tonzauber”, ossia “Mago del

suono”) e stampata dalla Pro-

Ject su due LP da 180 grammi,

in appena 2000 copie numera-

te a mano.

Insieme ai Wiener Philharmo-

niker, Riccardo Muti creò un

vero capolavoro d’interpreta-

zione delle sinfonie n. 25, 35 e

39 di Mozart. Entrambi sono

tra gli artisti più rispettati

della musica classica dell’era

moderna. Nel 1999, pur anco-

ra giovane, il maestro è già nel

pieno della sua maturità crea-

tiva e la sua conoscenza ormai

consolidata della materia gli

consente di non seguire pe-

dissequamente le indicazioni

della nuova scuola filologica

più ortodossa. Ciò nonostante

il trattamento del materiale

mozartiano di fine ’700 è me-

diato dallo studio approfondi-

to e dalla sensibilità di Muti,

per cui l’orchestra viennese, di

certo seconda a nessuno quan-

to a conoscenza della scrittura

del salisburghese, non appare

mai troppo “novecentesca”. Si

combinano così un’interpre-

tazione eccezionale e un’espe-

rienza sonora senza rivali che

conserva l’atmosfera calda e

morbida del Wiener Musikve-

rein.

L’apertura stessa della lenta

introduzione alla sinfonia n.

39 rende abbondantemente

chiaro che Muti non ha inten-

zione di essere influenzato da

idee odierne di performan-

ce d’epoca. Non si può dire

quanti archi stia usando ma

il risultato sul primo attacco è

grande, audace e netto. Quin-

di le sorprendenti dissonanze

nell’introduzione emergono

nettamente e, nonostante il

modo morbido, le trame dei

tutti nell’Allegro principale

sono lodevolmente pulite. Nel

n. 25, la ‘piccola’ in sol minore,

Muti è veloce e feroce nel pri-

mo movimento, dimostrando

che non abbiamo a che fare

con una opera giovanile, e nel

secondo movimento Andante

mantiene i violini senza sor-

dina, facendo risaltare più net-

tamente i contrasti tonali con

i legni in frasi alternate. I vari

assoli di fiati dall’ottavino alla

tromba sono caratterizzati ar-

gutamente. Ma il knockout qui

è la sinfonia “Haffner”, un re-

soconto totalmente esuberan-

te, quasi cinematografico nella

sua concentrazione e intensità,

correndo verso un finale che è

selvaggio oltre ogni immagina-

zione. Il suono è preciso, non

forzatamente mieloso, alter-

nando momenti delicati, quasi

bucolici, ad altri più luminosi

e aggressivi. Una conferma di

come si stesse preparando, di

lì a poco, il passaggio di con-

segna tra il mondo classico e

quello romantico ottocentesco.

Distribuito da Sound

and Music:

https://www.

soundandmusic.com/classica-

orchestrale/29747-mozart-

sinfonie-n25-n35-haffner-n39

W.A. Mozart

SYMPHONIES NO.25, NO.35

“HAFFNER” & NO.39

Wiener Philharmoniker dir. Riccardo Muti

Decca Limited Edition by Pro-Ject Audio PRO4826249

2 LP 180 GR LP 180 gr