Background Image
Previous Page  5 / 10 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 5 / 10 Next Page
Page Background

28

SUONO settembre 2021

V

iviamo un momento della vita inatteso e insolito durante

il quale ci siamo dovuti fermare. In questo anno ho avuto

modo di pensare in modo costruttivo a come far sì che

il tempo concesso non andasse sprecato ed ho così deciso di

dedicarlo a cose che in passato avevo trascurato. Quest’anno la

mia attività, specializzata nel campo della vendita, riparazione e

restauro di apparecchi Hi-Fi, compie quarant’anni, e pensare che

agli inizi del mio percorso ci chiamavano “i bimbi dell’Audiotech”!

È passato tanto tempo da allora e alla soglia dei miei 62 anni

mi tornano in mente tanti momenti di questa lunga storia che

ancora oggi costituisce parte fondamentale della mia vita. Da

qui nasce l’idea, avendo operato per anni in questo settore, di

raccontare storie e aneddoti del passato, sollecitato da giovani

e amici appassionati di Hi-Fi con cui nel tempo sono venuto in

contatto. Raccontando le mie storie mi sono reso conto che risul-

tavano interessanti e divertenti ed è per questo che ho deciso di

condividerne alcune con voi. Nel piccolo mondo dell’alta fedeltà

da alcuni vengo considerato, forse impropriamente, un guru ma

in realtà sono solo un appassionato di musica e del mare, le due

cose più belle della mia vita. Tralascerò l’amore per il mare e vi

racconterò, invece, della mia passione per la musica e l’Hi-Fi e

di come mi sono avvicinato a quei prodotti che hanno lasciato

una traccia profonda nella mia vita: Linn e Naim.

Negli anni ’70 vivevo a Milano e, come tanti ragazzini della mia

età, trascorrevo molte ore del mio tempo ad ascoltare musica,

consumando letteralmente i dischi. Adoravo ascoltare bene la

musica, che rappresentava la colonna sonora della mia vita e mi

accompagnava in tutte le mie attività. Spesso mi concentravo

solo ad ascoltare, anche ad alto volume, riprovando l’ebbrezza

del concerto dal vivo e chiudendo gli occhi, mi sembrava di avere

i musicisti davanti a me. In quegli anni a Milano era un momen-

to magico per la musica e l’Hi-Fi e nei negozi di dischi e di alta

fedeltà che frequentavo assiduamente e in cui trascorrevo ore

Quella storia di cui fummo

artefici

Attraverso le parole di chi ha vissuto l’epopea pionieristica dell’Hi-end italiano, ne ricostruiamo la storia che

è anche la storia di ognuno di noi, ricca soprattutto agli inizi di emozioni, avventure, speranze e dedizione.

(1- continua)

di Antonio Trebbi

INSIDE

Educazione siberiana: un trittico di Naim Nap 250 a dare energia al cosiddetto Tri

Amp. Una folgorazione!