Background Image
Previous Page  8 / 10 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 8 / 10 Next Page
Page Background

NEWS

MONDO

Antartide: risolto il mistero delle “blood falls”

8

Molte dinastie cinesi crollate dopo eruzioni vulcaniche

... notiziescientifiche.it

L

a storia della Cina è molto complessa e lun-

ga ma soprattutto è caratterizzata da una

numerosa serie di dinastie regnanti, alcune

delle quali sono crollate più o meno improvvisa-

mente. E le informazioni al riguardo non manca-

no perché la storia di queste dinastie è molto ben

documentata. Come fa notare Francis Ludlow, un

professore di storia medievale del Trinity College,

qualche esempio può essere ricondotto alla dina-

stia Tang, crollata nelle 907 d.C., o alla dinastia

Ming, crollata nel 1644. Crolli delle dinastie cinesi

riconducibili a cambiamenti climatici? Proprio

perché i crolli di queste dinastie sono documenta-

ti con estrema precisione, è possibile eseguire ri-

cerche sulle date per capire se ci sono collegamen-

ti con altri eventi che possono averle provocate.

Ad esempio è possibile capire se i crolli possono

essere riconducibili a cambiamenti naturali come

quelli climatici. Proprio per questo il ricercatore

ha realizzato un nuovo studio prendendo in con-

siderazione quelle che sono tra le cause principali

di un cambiamento climatico su una scala più o

meno ampia (a volte anche globale): le eruzioni

vulcaniche. Il ricercatore giunge alla conclusione

che ben 62 dei 68 crolli dinastici presi in conside-

razione erano stati preceduti almeno da una eru-

zione vulcanica. I dati sono quelli prelevati da di-

versi team di ricercatori e geologi che hanno ana-

lizzato diverse eruzioni storiche avvenute in tutto

il mondo attraverso i depositi di solfato nel ghiac-

cio polare. E in effetti, come spiega John

Matthews, ricercatore del Trinity Center for Envi-

ronmental Humanities, non può essere un caso:

dopo aver analizzato i dati lui e i suoi collaborato-

ri hanno scoperto che esiste una probabilità dello

0,05% di vedere così tanti crolli di dinastie a loro

volta preceduti da così tante eruzioni senza che ci

sia un collegamento tra le due tipologie di eventi.

I ricercatori si sono accorti anche che diverse dina-

stie sembrano avere resistito per diverse eruzioni

prima di crollare, cosa che mostra che le stesse di-

nastie avevano comunque un livello di resistenza

minimo a questi eventi e ai cambiamenti climatici

che ne seguivano.•

scienzenotizie.it

E

ra il 1911 quando Griffit Taylor, nel bel mez-

zo di una spedizione in Antartide, si è tro-

vato davanti ad uno spettacolo a dir poco

inquietante. Nelle Valli Secche di Murdo, il lago

Bonney era attraversato da queste cascate di un

colore rosso vivo che ricordava il sangue. I primi

ricercatori ipotizzarono che la colorazione dell’ac-

qua salata, che attraversa le montagne dell’Artico,

era dovuta alla presenza di qualche alga marina.

Successivamente questa ipotesi venne scartata e

nel corso degli anni, tanti esperti hanno cercato di

risolvere il mistero.

Un gruppo di ricercatori dell’U-

niversità dell’Alaska-Fairbanks,

avvalendosi di strumenti di ul-

tima generazione, sono riusciti

a spiegare sia il perché di que-

sto colore ma anche il motivo

per il quale l’acqua a tempera-

ture così basse non si ghiaccia.

Secondo gli scienziati, l’acqua

così salata e ricca di ferro diven-

ta ghiaccio ad una temperatura

ancora più bassa rispetto a

quella dolce. La colorazione in-

vece, è dovuta al contatto con

l’aria del ferro che si ossida con-

ferendo alle cascate questo par-

ticolare colore.•

12 novembre 2021