Background Image
Previous Page  7 / 10 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 7 / 10 Next Page
Page Background

WIRED

I

l 15 luglio 1799 nella città portuale di

Rosetta sul delta del Nilo venne ritrova-

ta la celebre stele con le scritte in gero-

glifico, demotico e greco antico, che offrì

una chiave per decifrare la scrittura egizia.

Nel 2020, in occasione dell’anniversario di

questa scoperta, Google Art&Culture pre-

senta un nuovo strumento che permetterà

di scoprire in maniera interattiva i misteri

dietro ai geroglifici egizi. Si chiama Fabri-

cius e grazie al potere dell’intelligenza ar-

tificiale permette di imparare, giocare e la-

vorare con le lingue antiche. Lo strumento

deriva da un progetto di ricerca di Ubisoft,

nota casa produttrice di videogiochi, che

mentre sviluppava Assassin’s Creed Ori-

gins ha collaborato con Google e l’agenzia

di sviluppo Psycle Interactive per cercare

di scoprire se l’apprendimento automatico

potesse in qualche modo migliorare e tra-

sformare il processo di raccolta, cataloga-

zione e comprensione della lingua scritta

dei faraoni. Lo strumento ora può essere

usato per imparare a scrivere e a leggere i

geroglifici in maniera giocosa sul web ma,

molto più importante, può essere utilizza-

to anche dagli studiosi per accelerare i

tempi di traduzione. Fabricius contiene in-

fatti il primo strumento digitale, open

source, in grado di aiutare gli accademici

nello studio delle lingue antiche sfruttan-

do il machine learning. Grazie alla tecnolo-

gia AutoMl di Google, ogni geroglifico vie-

ne confrontato con oltre 800 disegni diver-

si utilizzando la piattaforma d’apprendi-

mento automatico di Big G. Leggendo più

disegni, lo strumento è in grado di dare un

senso ad ogni geroglifico e inoltre permet-

te agli sviluppatori di allenare la macchina

in modo semplice. Così facendo lo stru-

mento potrà riconoscere tutte le tipologie

di geroglifici analizzati. La piattaforma di

lavoro è a disposizione degli studiosi sola-

mente in versione desktop e richiede una

comprensione profonda del processo di

traduzione dei geroglifici. Per chi vuole

semplicemente imparare qualcosa in più

sui geroglifici e divertirsi a scrivere un

messaggio nella lingua dei faraoni, Fabri-

cius ha una sezione dedicata all’apprendi-

mento interattivo. Qui, da dispositivi mo-

bili o desktop, gli utenti possono imparare

le basi della scrittura e lettura dei gerogli-

fici e, tramite uno strumento di composi-

zione automatica, possono scrivere un

messaggio condivisibile sui social e le piat-

taforme di messaggistica..•

NEWS

ARCHEO

15 luglio 2020

Google sviluppa un traduttore per i geroglifici

7