Background Image
Previous Page  9 / 10 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 9 / 10 Next Page
Page Background

9

www.xpublishing.it

U

na recente indagine subacquea ha individuato i re-

sti che potrebbero corrispondere al mitico tempio fe-

nicio-punico di Melquart ed Ercole a Cadice, in

un'area tra Camposoto (San Fernando) e Sancti Petri, a Chi-

clana. Ritrovamento che, se confermato, potrebbe risolvere

una delle grandi incognite dell'archeologia. La struttura, si-

tuata a una profondità compresa tra cinque e tre metri e con

dimensioni di 300 metri di lunghezza e 150 di larghezza, è

stata localizzata grazie al lavoro di telerilevamento effettua-

to da Ricardo Belizón Aragón e Antonio Sáez Ro-

mero, dell'Università di Siviglia. La ricerca, presen-

tata al Centro di Archeologia Subacquea di Cadice,

ha determinato l'esistenza nei dintorni del canale

Sancti Petri di altre strutture che potrebbero corri-

spondere a porti e altri edifici che indicherebbero l'e-

sistenza di un’antica struttura ormai sommersa. Il

luogo e le caratteristiche in cui sono stati collocati i

possibili resti di questo ricercato tempio, sottoposto

all'ondeggiare delle maree, che rende difficili le in-

dagini, corrispondono alle descrizioni dello spazio

mitico riportate nei loro testi da autori classici come

Strabone, Posidonio e Filostato, tra i tanti, corrobo-

rando la loro teoria. Il punto del ritrovamento dista

circa quattro chilometri da quello recentemente se-

gnalato da un'altra indagine di esperti delle univer-

sità di Córdoba e Cadice. Dopo la prima analisi del-

le informazioni ottenute, unitamente ai dati documentali e

archeologici già esistenti sull'area, il personale della Delega-

zione Territoriale, dell'Università di Siviglia e del Centro di

Archeologia Subacquea ha compiuto diversi sopralluoghi. I

dati raccolti hanno rivelato l'esistenza di un ambiente total-

mente diverso da quello sinora ipotizzato: un nuovo paesag-

gio costiero e un litorale fortemente antropizzato, con la pre-

senza di possibili dighe foranee, grandi edifici e anche un

possibile bacino portuale chiuso.

SCOPERTE LE COLONNE DI ERCOLEA CADICE?

LA RAZÒN, 15 DICEMBRE

U

n oggetto insolito scoperto dai metal detector nel

2020 nel nord-est dell'Inghilterra lascia perplessi

gli studiosi. In questo caso non sono gli archeologi

ad essere perplessi, ma gli esperti linguistici che studiano

le origini e l'evoluzione della lingua inglese. L'oggetto in

questione è una piccola croce medievale d'oro che è stata

trovata lungo le rive del fiume Tweed vicino a Berwick

nella contea di Northumbria, nel nord dell'Inghilterra.

L'esistenza di questa croce medievale è stata recentemente

annunciata dal

British Museum,

come parte della

sua divulgazione annuale sui significativi reperti

archeologici rinvenuti nel Regno Unito l'anno

scorso. La minuscola croce medievale in metallo

prezioso è lunga solo 2,5 per 1,5 centimetri e ha un

foro in un'estremità che mostra che è stata indos-

sata come ciondolo. Gli studiosi hanno determina-

to che la croce è stata realizzata tra il 700 e il 900

d.C.. Ciò che rende questa piccola croce così straor-

dinariamente rara è l’essere incisa con una scrittu-

ra runica e l’essere il primo ciondolo a croce me-

dievale mai trovato che abbia questa caratteristica.

Il messaggio di sei lettere apparentemente identifi-

ca il proprietario della croce, un uomo che sembra

essere stato chiamato Eadruf. Un nome insolito

nell’Inghiterra medioevale. Il professor John Hi-

nes, archeologo e specialista in linguistica antica dell'Uni-

versità di Cardiff, pensa si tratti di una contrazione di

Eardwulf, un nome popolare nel IX secolo, condiviso da

una serie di noti personaggi storici, tra cui Eardwulf di

Lindisfarne, vescovo di una comunità monastica che ini-

zialmente si trovava sull'Isola Santa di Lindisfarne, appe-

na al largo della costa nord-orientale dell'Inghilterra. For-

se fu proprio lui il proprietario di questa croce. Resta un

mistero però la presenza delle rune su di essa.

RARE RUNE INCISE SUUNA CROCE IN INGHILTERRA

THE TELEGRAPH, 14 DICEMBRE