Background Image
Previous Page  8 / 10 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 8 / 10 Next Page
Page Background

P

arliamo di un argomento poco

trattato e probabilmente poco

considerato nel nostro sport, il

timing del gesto tecnico. Cosa

si intende per timing? Qualcuno subito

penserà ai tempi di uscita dal clicker, e

invece no. Il timing riguarda i tempi di

esecuzione del movimento, senza tenere

in minima considerazione i tempi del cli-

cker, che saranno solo ed esclusivamen-

te legati alla qualità dei controlli e dell’e-

secuzione e all’interferenza del vento,

qualora presente. I punti di controllo

principali del tiro rimangono sempre gli

stessi, ma rivediamoli velocemente.

Punto 1: la conclusione della fase di

set up

, ovvero la preparazione al tiro

che prevede sistemazione dei piedi, in-

cocco della freccia, presa della corda

e della mano dell’arco, bilanciamento

arco olimpico

del peso del corpo e posizionamento

della testa sollevata a guardare il ber-

saglio. Fatto ciò, possiamo passare al

punto 2, fase nella quale solleviamo le

mani per poi allineare le spalle in modo

da orientarle al braccio dell’arco in

pre-

trazione

, durante la quale il nostro miri-

no sarà sulla verticale del giallo, ma più

alto rispetto allo stesso.

Punto 3: con trazione e

contatti al viso

,

per andare a costruire la posizione di

ancoraggio e quindi quella di mira. Ul-

tima fase, la 4, è quella dell’espansio-

ne verso il

follow through

. Il momento

finale dell’azione, dove i migliori arcieri

cercano e trovano l’allineamento per-

fetto. Visti i 4 macro punti principali

della sequenza, andiamo a soffermarci

sui primi 3: set up, pretrazione e con-

tatti. L’obiettivo sarà quello di misurare

il tempo impiegato tra il punto 1 e il 2

(lo chiameremo

step 1

) e tra il 3 e il

4 (

step 2

). In altre parole, dobbiamo

misurare il tempo impiegato per solle-

vare l’arco e per allineare la schiena e

poi quello per aprirlo fino ad ottenere il

contatto della corda al viso.

L’esame del nostro tiro

Prendiamo ora in esame il nostro tiro,

quindi tiriamo e filmiamoci per qual-

che freccia. Ora, usando alcuni sof-

tware per la video analisi, un lettore

video, o semplicemente il cronometro

dello smartphone, misuriamo i tempi

e effettuiamo due semplici analisi. La

prima sarà quella di valutare la tempi-

stica dello step 1 ed anche quella dello

step 2, per vedere se vengono eseguiti

con costanza. Abbiamo pertanto il

pri-

Il timing

1. Set Up

2. Pretrazione

3. Contatti

1. Set Up

Step 1

1.1”

Step 1

2.3”

Step 2

2.3”