Background Image
Previous Page  4 / 10 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 4 / 10 Next Page
Page Background

È

un “gioco” che sta appassionan-

do molti arcieri. Dal 2019 è lette-

ralmente decollato, incontrando il

gradimento di molti appassionati

del tiro 3D, con la maggior parte del-

le Società sportive in Toscana, Umbria,

Lazio e Veneto. Stiamo parlando del

tiro con l’arco proposto dalla Federa-

zione italiana discipline sportive armi da

caccia (Fidasc). Proprio dal nome della

Federazione riceviamo il primo “indizio”

sulla caratteristica della tipologia di gara

proposta, nella quale la simulazione ve-

natoria assume un’importanza prepon-

derante, soprattutto per quanto riguar-

da la ricerca della precisione e il rispetto

dell’etica venatoria. Abbiamo pensato

di spiegare come funziona a chi non ha

mai avuto l’opportunità di partecipare.

Per qualsiasi dettaglio o approfondi-

mento rimandiamo invece alla sezione

“Tiro con l’arco da caccia” presente sul

sito della Federazione (fidasc.it).

Categorie e stili

La prima domanda che solitamente

si pone un arciere, quando si trova di

fronte ad una competizione di cui non

conosce ancora molto, è:

“dove mi col-

loco?”

,

“con il mio arco in che stile posso

tirare?”

. Iniziamo allora dagli stili, dan-

do qualche accenno sull’attrezzatura

Tiro con l’arco Fidasc,

“il gioco” che piace

federazioni

Dal 2019 è letteralmente decollato, incontrando

il gradimento di molti appassionati del tiro 3D,

con la maggior parte delle Società sportive in Toscana,

Umbria, Lazio e Veneto. Ma come funziona?

Ve lo spieghiamo in questo articolo.

(ma rimandiamo al regolamento per in-

formazioni più specifiche). Gli stili sono:

Arco storico (solo monolitico e ricavato

da un unico pezzo di legno); Longbow

(solo monolitico e con frecce in legno);

Ricurvo (legno o fenolico, no flettenti

tecnologici, impennaggio naturale o di

plastica); Ricurvo libero (riser in qualsi-

asi materiale, flettenti in qualsiasi ma-

teriale, rest e stabilizzatori); Compound

(senza mirino e sgancio); Compound li-

bero (con mirino e sgancio); Compound

assistito (compound con mirino, pin len-

ti, sgancio…). Le categorie sono invece

cadetti, juniores, men e woman, non

sono quindi presenti i veterani, gli adulti

gareggiano tutti insieme.

Gara e regolamento

Passiamo ora alla parte più succosa e

interessante: come funziona la gara?

La gara è distribuita su un circuito, esat-

tamente come per le tipologie di gara

3D proposte da altre realtà. In gara si

tirano 42 frecce, una per ogni animale.

Non ci sono picchetti, c’è una linea di

tiro lungo la quale ci si può spostare la-

teralmente; si può anche indietreggiare,

sempre nel rispetto della sicurezza, ma

non è possibile oltrepassarla. In questo

modo sta all’arciere studiare il tiro e

cercare posizione e punto più conforte-

voli per l’esecuzione del gesto. Le sa-

gome sono divise in Cerca (32 per ogni

gara) e Selezione (10 per ogni gara).

Nei bersagli Cerca anche la sagoma dà

punteggio, non nei bersagli Selezione,

dove colpire la sagoma equivale a uno

zero. In ogni postazione di tiro è pre-

sente un totem, dove viene indicato se

la sagoma è Selezione o Cerca; viene

inoltre indicato se è presente lo special:

piccolo bollino da colpire (presente in 5